I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.   Accetta.   Leggi la Cookie policy.
Territorio

Territorio
 
IndietroHomeAnteprima di stampaStampa PDFTwitter

Comunicato Stampa - 29/03/2019

Comunicato stampa | Al via Sap.p.i – sapere per le Imprese, il progetto per il trasferimento tecnologico

De Cardenas: «Abbattiamo le mura che separano la conoscenza dal mondo imprenditoriale»

Pavia, 29 marzo 2019 – «Abbattiamo ogni steccato. Finalmente tutto il sapere dell’Università è messo a disposizione delle piccole imprese». È questo il commento di Nicola de Cardenas, Presidente di Confindustria Pavia, espresso nell’introdurre Sap.p.i - Sapere per le Imprese, progetto presentato stamattina in Aula Foscolo presso l’Università di Pavia. «Noi vogliamo – aggiunge de Cardenas – che le conoscenze che si formano in questa università escano da queste mura e partecipino attivamente allo sviluppo economico del nostro territorio. Ecco perché Confindustria Pavia ha messo a disposizione dell’Università la campagna promozionale di Sap.p.i».

Sap.p.i favorirà il rilancio competitivo del territorio. Nello specifico, il servizio offre alle piccole imprese l’opportunità di trovare, all’interno dei gruppi di ricerca universitari, quello che possa essere più adeguato al progetto di innovazione auspicato dagli imprenditori. Il Servizio Ricerca e Terza Missione, guidato dal Prorettore Svelto e che si occupa della promozione dei processi di ricerca, si preoccuperà di prendere contatto con i ricercatori e organizzerà gli incontri in cui questi potranno confrontarsi con le imprese. Sap.p.i è un servizio totalmente gratuito, pensato per le piccole imprese che vogliono investire nell’innovazione. «Sap.p.i è un modello operativo avanzato e all’avanguardia, che consoliderà la sinergia tra ricerca universitaria e imprese». Aggiunge il Presidente de Cardenas.

«Il mondo dell’università e quello dell’impresa si cercano e si incontrano sempre più frequentemente». Dichiara Fabio Rugge, Rettore dell’Università di Pavia. «Hanno entrambi compreso che la relazione tra loro è vitale per entrambi. Senza l’innovazione stimolata e validata dalla scienza, l’impresa soccombe nella competizione internazionale. Senza le sollecitazioni dell’impresa, l’università si chiude e rischia di appassire. Grazie a Confindustria, questa collaborazione trova a Pavia protagonisti consapevoli e attivi, all’avanguardia nel Paese. E si propone come garanzia per il suo futuro».

«Sappi è l’esito di un lavoro pluriennale». Dichiara il prorettore alla Terza Missione, Francesco Svelto. «Progettato dall’Ateneo insieme a Confindustria nell’ambito della Terza missione dell’Università, è anche un progetto pilota che nasce in un territorio molto favorevole alla sperimentazione. In Sap.p.i convivono un’alta concentrazione di competenze e progetti di ricerca, grazie all’Università, e un elevato numero di piccole e medie imprese vocate all’innovazione, che di queste competenze potranno finalmente giovarsi».

Sap.p.i costituisce un modello a livello nazionale, tale per cui una territoriale di Confindustria fa da guida alle imprese assistendole nel trovare i saperi di cui hanno bisogno all’interno della struttura complessa dell’Università di Pavia. A questo proposito, le aziende interessate potranno contattare Confindustria Pavia, che a sua volta farà da tramite con l’Università per dare a concretezza a progettualità e idee grazie al contribuito di docenti e ricercatori.

All’evento di presentazione hanno partecipato anche il Rettore Fabio Rugge, il Prorettore alla Terza Missione Francesco Svelto e l’imprenditore Carlo De Marchi, amministratore di Ecotechno Impianti, che ha portato la sua esperienza di partnership con l’università. «Grazie all’impegno di Confindustria Pavia, che ha fatto da tramite e come sempre sa ascoltare le sue imprese associate, siamo entrati in contatto con l’ateneo per lo sviluppo di un progetto con elevato livello di sostenibilità».

De Cardenas, infine, ha voluto esprimere un sincero ringraziamento nei confronti del Rettore Rugge e del Prorettore Svelto per l’impegno anche personale speso nel consolidare una partnership tra Confindustria Pavia e l’Università. «Con loro i nostri rapporti si sono fortificati e la collaborazione è diventata strategica. Per questo spero che il testimone venga portato avanti anche dal prossimo rettorato».