I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.   Accetta.   Leggi la Cookie policy.
IndietroHomeAnteprima di stampaStampa PDFTwitter

Comunicato Stampa - 02/07/2019

Tavolo Territoriale di Pavia | Pavia, 1 luglio 2019 | De Cardenas: «Dal tavolo territoriale uno sforzo straordinario per la rigenerazione di Pavia»

COMUNICATO STAMPA

 

De Cardenas: «Dal tavolo territoriale uno sforzo straordinario per la rigenerazione di Pavia»

 

Confindustria Pavia chiede un salto di qualità per fornire risposte adeguate ai problemi di competitività del territorio

 

 

Pavia, 1 luglio 2019 – «Regione Lombardia deve porsi alla guida di tutte le forze che siedono a questo tavolo per la realizzazione di un piano strategico di rigenerazione di Pavia». Questo è il messaggio lanciato dal Presidente di Confindustria Pavia, Nicola de Cardenas, in occasione della riunione Tavolo territoriale che si è tenuto questo pomeriggio presso l’Utr di Pavia. «Il tavolo era nato seguendo la proposta del Patto firmato con i sindacati nel 2014 e aveva come obiettivo il rilancio produttivo e occupazionale della nostra provincia. Oggi, ci attendiamo un salto di qualità, uno sforzo straordinario per la rigenerazione di Pavia.

 

«Alla nostra Assemblea del 17 giugno – ha detto ancora de Cardenas – abbiamo presentato uno studio sulla competitività del territorio realizzato dall’Università di Pavia e dalla Fondazione Romagnosi. Dal lavoro, che abbiamo messo a disposizione di questo tavolo, emerge una situazione unica, purtroppo in senso negativo, nel panorama regionale. Pavia è l’ultima provincia lombarda per Pil per abitante. Dal 1971 al 2011, l’occupazione totale in provincia di Pavia si è ridotta del -10,25%, rispetto al dato crescente in Lombardia, +22,73%, nella Bassa Padana, +23,34%, e in Italia, +34,74%».

 

Nel corso della riunione quindi, Confindustria Pavia ha presentato le sue proposte prioritarie per affrontare il gap di competitività che caratterizza il nostro ecosistema:

 

  • inserire Pavia nella carta europea degli aiuti regionali e nelle aree di crisi industriale
  • attivare il lavoro per gli areali di programmazione della rigenerazione territoriale di interesse regionale di Pavia e di Stradella, in modo da recuperare le aree dismesse e creare aree attrezzate per investimenti produttivi
  • potenziare in modo molto significativo l’attività di trasferimento tecnologico e di supporto a nuova imprenditoria dell’Università di Pavia, con riferimento alle migliori pratiche internazionali
  • realizzare un Istituto Tecnico superiore per la meccatronica
  • colmare il gap infrastrutturale e garantire alla provincia di Pavia stanziamenti regionali paragonabili a quelli delle altre province lombarde
  • realizzare un piano di evoluzione del distretto di Vigevano in Shoe tech valley, già presentato all’assessore Mattinzoli

 

«Vorrei che la Regione – ha concluso il leader degli industriali pavesi – avesse piena consapevolezza delle difficoltà competitive della provincia di Pavia e che ci sentissimo tutti parte di un grande piano di rigenerazione. Siamo convinti che Pavia sia il contesto ideale per l’industria 4.0 e per l’economia circolare. Può essere un laboratorio di sviluppo sostenibile, dove si produce e si vive bene. Una terra di innovazione e qualità ambientale: a pochi chilometri dalla Città metropolitana milanese, un polmone verde popolato di imprese innovative ed ecosostenibili».

 

il Presidente de Cardenas ha invitato tutte le istituzioni e le componenti sociali a superare le divisioni. “Il coraggio dev’essere condiviso e collettivo. Pavia deve riscattarsi da questa fase troppo lunga di sofferenza e tornare a essere protagonista della crescita industriale lombarda”.