I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.   Accetta.   Leggi la Cookie policy.
IndietroHomeAnteprima di stampaStampa PDFTwitter

Comunicato Stampa - 24/10/2018

De Cardenas: «L’industria è la soluzione per la prosperità sociale e la sostenibilità. È la risposta ai problemi globali» Grande successo di Pavia - Technology and Innovation Conference

Pavia, 24 ottobre 2018 – «L’industria è la soluzione per la prosperità sociale e la sostenibilità e, con questa giornata dell’innovazione, Confindustria Pavia vuole accendere i riflettori sulle imprese innovative pavesi, un tessuto produttivo forse meno conosciuto ma con tante eccellenze». Con queste parole Nicola de Cardenas, presidente di Confindustria Pavia, aprendo i lavori della Pavia - Technology and Innovation Conference, che si è tenuta oggi presso l’Antico Borgo della Certosa (Certosa di Pavia). «La nostra associazione ha voluto fortemente questo appuntamento per far conoscere le eccellenze dell’innovazione di questo ecosistema».

 

Sul palco si sono avvicendati Fabio Rugge, rettore dell’Università di Pavia, Roberto Cingolani, direttore dell’Istituto italiano di tecnologia, Fabio Benasso, Presidente e Ceo di Accenture Italia (membro dell’advisory board di Confindustria Pavia), e Gianluigi Viscardi, Presidente del Digital Innovation Hub Lombardia. Inoltre, moderati da Massimo Sideri, direttore di Corriere Innovazione, sono intervenuti importanti esponenti dell’imprenditoria pavese.

 

«Questa provincia deve dotarsi di un orizzonte. Scienza e impresa sono realtà mobili, che si devono contaminare tra loro». Così il commento del rettore Rugge.

 

«Un Paese è civile se è dotato delle necessarie infrastrutture per permettere a tutti i cittadini di disporre degli stessi servizi, a parità di costo». Ha detto Cingolani nel corso del suo intervento. «La sfida che ci chiede di compiere la tecnologia è di rivedere da capo l’intero sapere, in chiave interdisciplinare».

 

«Oggi la tecnologia è un elemento fondante delle strategie di business», ha detto Benasso. «impatti demografici e processi innovativi sono fattori cui il mondo produttivo deve far fronte. Per crescere bisogna fare sistema, le aziende devono contaminarsi e procedere secondo le logiche di filiera».

 

Nella prima sessione degli incontri, si è parlato di trasformazione digitale e investimenti per la crescita. A questa tavola rotonda hanno preso parte Fabio Benasso, Luigi Carrioli (Seavision Srl) e Giuseppe Fedegari (Fedegari Group). «La trasformazione digitale – ha commentato de Cardenas a margine della sessione – è la visione del nuovo, di un cambiamento a tutto campo dell’economia e della società e in grado di produrre profondi cambiamenti, in meglio, nell’economia e nella vita».

 

Il secondo panel si è concentrato sulle sfide e le opportunità della rivoluzione digitale di Industria 4.0 e ha avuto come relatori: Giovanni Gaia (Atom SpA), Tommaso Rossini (Rta Srl), Mariuccia Teroni (FacilityLive) e Gianluigi Viscardi. In tal senso, il presidente di Confindustria Pavia ha commentato: «Il digitale è l’agenda politica per la crescita, per il cambiamento, per l’innovazione del Paese. In questa fase di incertezze, noi imprese siamo in attesa di risposte concrete da parte della politica per sapere come dover affrontare insieme il futuro».

 

La sessione pomeridiana è stata aperta da Luca Amoruso, Vice Presidente di Confindustria Pavia, che ha introdotto i workshop, coordinati da Adriani Nigi e Walter Gabetta, referenti per Confindustria Pavia della Sezione industria digitale, creativa e culturale, e poi da Marco Salvadeo, Vice Presidente di Confindustria Pavia e Giuseppe Linati, Direttore del Digital Innovation Hub Lombardia.

 

Da questi incontri sono emersi gli importanti sforzi compiuti da Confindustria Pavia nel supportare le imprese associate nel loro percorso di innovazione, con iniziative sugli scenari e di sensibilizzazione.

 

«La cosa più importante di questa giornata è stato aver accolto e ascoltato le proposte e i suggerimenti da parte delle stesse imprese e che noi renderemo concreti grazie ai gruppi di lavoro che si stanno riunendo le secondo le filiere merceologiche nelle quali è strutturata la nostra base associativa», ha commentato Amoruso.

 

«Forniamo servizi di assessment, sostegno alla progettualità e di consulenza per l’accesso ai benefici di Industria 4.0», ha detto Gabetta. «La sensoristica, i software, la rete sono gli strumenti primari che permettono alle imprese, di ogni dimensione, di maturare progetti di intelligenza artificiale, blockchain, cybersecurity, progetti di open innovation, secondo logiche di filiera e nell’interesse dell’intero ecosistema».

 

A sua volta Salvadeo ha sottolineato «l’importanza della formazione. Oggi sono presenti in sala gli studenti dell’università e delle scuole superiori del territorio. Quello umano è il capitale più prezioso per le nostre aziende. Perché sono loro i primi destinatari delle nuove tecnologie che serviranno alle aziende».

 

Organizzata con il contributo della Camera di Commercio di Pavia, la Technology and Innovation Conference va a chiudere il festival “Cosa sarà” organizzato da Facility Live e che ha impegnato la città di Pavia nello scorso fine settimana in un dibattito non stop sulla trasformazione digitale, sull’evoluzione tecnologica e scientifica e su come tutto questo incide sulla nostra quotidianità.

 

«Siamo particolarmente lieti di supportare e promuovere iniziative di questo genere, volte a fare sinergia tra le aziende ed in grado di aiutarle a guardare oltre per favorirne la crescita e lo sviluppo». Ha detto Franco Bosi, Presidente della Camera di Commercio di Pavia, concludendo i lavori. «Se crescono le aziende, cresce il territorio! Grazie a questo incontro, si irrobustisce il dialogo tra i vari attori e interlocutori del network locale e non solo, per comprendere lo stato dell’arte nel territorio e definire ulteriori azioni e interventi condivisi per i prossimi mesi, con l’obiettivo di aiutare le imprese a conoscere il proprio livello di maturità digitale e intraprendere il proprio percorso di innovazione».

 

«È nostro obiettivo fare della TIC un appuntamento annuale», ha concluso de Cardenas. «Il World Manufacturing Forum, organizzato da Confindustria Lombardia a Cernobbio ormai un mese fa, ha evidenziato una tendenza mondiale a investire sull’industria per affrontare i grandi problemi globali della tutela dell’ambiente, degli squilibri, delle trasformazioni del lavoro.