I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.   Accetta.   Leggi la Cookie policy.
IndietroHomeAnteprima di stampaStampa PDFTwitter

Comunicato Stampa - 06/12/2018

Pmiday2018 | Quartiroli (Comitato Piccola Industria Confindustria Pavia): «Dopo il successo di questa edizione, dal prossimo anno, una visita al mese»

Terza e ultima giornata del Pmi Day 2018. Gli studenti dell’Istituto Calvi di Sannazzaro e dell’Itis Cardano di Pavia in visita a Baselectron, Bright Solution e CM Cerliani

Pavia, 4 dicembre 2018 – «Oggi le imprese non cercano più operai, bensì tecnici, per rispondere velocemente e con idee valide alle esigenze di Industria 4.0. Aprire le aziende agli studenti vuol dire anticipare le aspettative a chi non vi ha fatto ancora il suo ingresso. Vuol dire trasmettere i valori e la tenacia della vita nelle imprese». È questo il commento di Gianni Quartiroli, Presidente del Comitato Piccola Industria di Confindustria Pavia, al termine della terza giornata dell’edizione 2018 del PmiDay sul territorio. «Il PmiDay per noi significa facilitare il salto culturale dei ragazzi dalla spensieratezza che li accompagna ancora nelle scuole e la concentrazione che invece verrà loro richiesta quando saranno accolti dalle nostre imprese».

«Io mi sento personalmente impegnato in questa missione». Ha commentato Giuliano Piccinno di Bright Solution, azienda nota nel mondo per le sue innovazioni nel campo della fotonica e dei laser di potenza. «Mi piace l’idea di far vedere come preparazione, tenacia e spirito di squadra possano portare un team di persone appassionate a conseguire obiettivi internazionali di primo livello. Sono dell’idea che incontrare realtà operative concrete e tecnologicamente avanzate, anche nel proprio territorio, possa rappresentare per un ragazzo un reale stimolo ad approfondire e ad investire con fiducia nel proprio futuro».

«Apriamo le nostre fabbriche per far vedere come sono stimolanti per una crescita umana oltre che professionale», ha detto Daniele Cerliani, della CM Cerliani, industria meccanica di precisione, specializzata nella produzione di accessori per macchine per cucire. «Per mostrare agli studenti di oggi il loro lavoro del domani e permettere loro non solo di sognare, ma di toccare il loro futuro. Vogliamo che vedano che l'ambiente delle imprese di oggi è responsabilizzante, creativo, solidale, inclusivo e non solo dignitoso, ma generatore di dignità. Oggi l'impresa non è più una somma di macchine asservite dagli operatori, ma al contrario è un sistema dinamico con la persona al centro. Per innovare e crescere serve alle imprese un "genio collettivo" a cui ogni collaboratore è chiamato a partecipare attivamente».

«Ho proposto per il prossimo anno – ha concluso Quartiroli – in accordo con il Comitato, di far sì che ogni mese un’azienda potrà essere visitata dagli studenti e il Pmiday 2019 potrà essere una “festa” a consuntivo del lavoro fatto durante l’anno. Bisogna investire sui giovani che sono il nostro futuro e spetta anche a noi imprenditori condividere anche con il loro impegno la diffusione della cultura d’impresa».